Gli album e la sua esperienza musicale

lucia-micarelliLucia Micarelli è indubbiamente una delle più talentuose violoncelliste attualmente presenti sul panorama musicale. Con un’esperienza musicale lunga oltre 30 anni (ha iniziato a suonare all’età di 3 anni a New York), Lucia ha al suo attivo due album solisti.

Il primo è “Music From a Farther Room” ed è stato pubblicato nel 2004, un album in cui la giovane violinista presenta un paesaggio sonoro diffuso, in cui i riferimenti a David Bowie, Sibelius, Astor Piazzolla e Rodgers & Hart coesistono. La Micarello ha detto, relativamente all’album “il mio obiettivo è quello di mantenere l’integrità del repertorio classico con cui sono cresciuta, ma presentarlo in chiave contemporanea. Allo stesso tempo ho avuto una gamma di influenze cui ho sentito di dover e voler rendere omaggio. La giustapposizione di vecchio e nuovo è qualcosa che mi affascina da anni e che è diventata la base per questo disco“.

Il risultato è un tour de force notevole sia per la sua onestà emotiva che per la sua arte stravagante. I punti salienti del disco sono la triste ma bella “She is like the swallow” con il cantante Leigh Nash, l’altrettanto bella “My Funny Valentine” e la stupefacente “Nocturne / Bohemian Rhapsody“.

Micarelli copre la gamma di note che va dal neo-classico al pop-jazz al rock. Il suo album è elegante e gestisce una vasta gamma di emozioni, a volte tristi ma sempre belle.

Il secondo è “Interlude” ed è invece stato pubblicato nel 2007, un insieme di sonorità che va dal jazz al classico, per un totale di 14 canzoni. Tra le migliori canzoni dell’album troviamo “Because of Toledo”, il lento “Shostakovich String Quartet” e, un po’ in onore alla sua città natale (New York) il bellissimo “Brooklyn-queens Expressway”.

Oltre che in studio, Lucia ha suonato un po’ in giro per il mondo e ha preso parte a diversi tour, da quello con l’orchestra Trans-Siberiana fino ad una doppia stagione con i Jethro Tull e con Josh Groban.

Attualmente Lucia è al lavoro sul suo terzo album da solista, del quale non vediamo l’ora di ascoltare le canzoni e farci assorbire dalle tante emozioni che le note della violinista, come sempre, sono pronte a regalarci.